Relitto Monteponi (immersione tecnica)

Nave da carico costruita nel 1917, propulsione a vapore, mentre era in navigazione da Cagliari a Olbia, fu silurata dal sottomarino inglese Olympus, affondando il 21.07.1941 al largo di Posada. Il relitto, lungo circa 60mt, giace in assetto di navigazione su un fondale di sabbia e detrito, con la prua rivolta verso il mare aperto. Visibilità ottima, ma la nave non è in ottime condizioni: tutta la zona centrale è collassata su sé stessa a seguito dell’esplosione e, pertanto, si tratta di una immersione attorno al relitto, comunque interessante soprattutto per la eccezionale vita animale e vegetale che si è sviluppata. La grande prua è ricoperta da spezzoni di reti da pesca piuttosto vecchi, oramai colonizzati da spugne, ascidie, gorgonie, ecc; tra le lamiere cadute sul fondo, e il labirinto che si è formato sulla nave, si osservano aragoste , cicale, un paio di grandi cernie, musdee, e grandi saraghi fasciati: nel blu, nuotano i dentici in caccia. La poppa, imponente, è intatta con il grande timone piantato nel fondo e l’elica assolutamente ben visibile. Una bella immersione, ideale per ottime fotografie di ambiente.